COMITATI REGIONALI

Di Vito Tisci - 15.04.2014

Un mister in costante ascesa

La sua promozione è di palmare evidenza. E non solo perché passa dagli ‘Allievi’ alla guida della Juniores, ma anche per la sua nomina di coordinatore delle Rappresentative pugliesi della Lnd e del Settore Giovanile Scolastico. Così, Massimiliano Tangorra, oltre ad occuparsi della selezione di massima visibilità, è supervisore anche dei due segmenti dell’attività giovanile, ovvero Allievi e Giovanissimi in transito verso il Friuli per il Tdr.

“Una attestazione di stima non indifferente “chiosa con sano orgoglio Tangorra “che ho molto apprezzato. Lo scorso anno accettai l’incarico di guidare gli Allievi ed ero incuriosito da questa collaborazione con la Figc pugliese, quest’anno quando il presidente Tisci mi ha comunicato la nomina a coordinatore, ho capito che la considerazione sul sottoscritto era provata dai fatti”. Per il neo coordinatore, la scelta di ripartire dal basso dopo un tracciato agonistico professionistico a tutto tondo, non è casuale. 

“L’opzione di cavalcare il mondo del settore giovanile, di fare volutamente la gavetta, risponde ad una strategia precisa. Il calciatore e l’allenatore sono due mestieri diversi, meglio partire per gradi. E poi, Tangorra non è né Montella o Leonardo, giusto per capirci, tecnici a cui viene concessa l’opportunità di guidare team di serie A trovando la tavola già bella e imbandita”. Lo scorso anno con gli ‘Allievi’ il primo contatto con la Rappresentativa. “Una esperienza positiva, con la soddisfazione di aver visto tanti ragazzi a fine stagione sistemarsi in società professionistiche. Evidentemente, le scelte erano state quelle giuste”.  

E ora, il fardello della Juniores, la cui ultima vittoria reca l’anno 1963. “So che non si vince da una vita. Cinquantuno anni sono sicuramente tanti. Proveremo a fare del nostro meglio, non è facile primeggiare”. Ritrovarsi in un girone eliminatorio comprendente Sicilia, Umbria e Campania non è per niente agevole. “Questo conta relativamente, se si va avanti nella manifestazione prima o poi incontri le più quotate, tanto vale farlo prima”. Nella nuova formula, la possibilità di ripescare anche le migliori seconde. “Sì, da quest’anno, è così, uno stimolo in più per giocarsi al meglio tutte le gare della prima fase”.


noresult