SOCIETA' STORICHE

Di Damiano Montanari - 11.11.2013

Soragna, una squadra e il suo paese

La storia sono loro. Chi ha amato, ha sudato, ha lottato per tenere alto il nome di questo paesino di 4.000 abitanti in provincia di Parma. L’idea è sua, di Matteo Tonna, ex giocatore, ex presidente e grande appassionato della società. Gli autori del libro “Il Soragna Calcio – una squadra e il suo paese 1921 – 2013” sono un poker vincente servito sul tavolo del calcio dilettantistico emiliano: Matteo Tonna, Roberto Puzzi, Marco e Roberto Tanzi. Insieme hanno realizzato quello che inizialmente era solo un sogno, come racconta Tonna, oggi dirigente responsabile della comunicazione del club. “Il progetto è nato per soddisfare un interesse personale di noi quattro autori. Per anni abbiamo cercato tutte le informazioni possibili sul Soragna, vecchi tabellini, vecchi documenti, fotografie. Volevamo creare quell’archivio che la società non aveva mai avuto, non tanto finalizzare i nostri sforzi ad una pubblicazione”. Poi qualcosa è cambiato. “Considerato il materiale che avevamo raccolto – spiega infatti Tonna – abbiamo deciso di realizzare questo libro per cui dobbiamo ringraziare tante persone, dall’amico Daniele Cacozza, che in passato aveva già collaborato alla stesura di una pubblicazione del Comitato Regionale dell’Emilia Romagna, a chi ci ha aiutato nelle ricerche fatte presso la sede della Delegazione Provinciale di Parma e presso le emeroteche di Parma e Cremona, a tutti gli abitanti di Soragna che ci hanno aperto i loro cassetti mostrando ricordi, immagini e ritagli di giornale che si sono rivelati fondamentali per la realizzazione di questo libro”. 
E’ stato un lavoro lungo che ha richiesto pazienza ed entusiasmo, ma che, dopo anni di ricerche, ha portato ad un risultato di alto livello, con tante chicche da gustare. A cominciare dalla meravigliosa foto risalente al 1921 – che pubblichiamo, per concessione degli autori, in esclusiva a corredo di questo articolo – e raffigurante il primo Soragna del primo presidente Alessandro Braibanti, più volte citato in sei articoli del tempo de “Il Piccolo” di Parma, testata che fece concorrenza alla “Gazzetta di Parma” solo per cinque anni, dal 1919 al 1925, prima di chiudere i battenti. Facce d’altri tempi, eroi che, forse inconsapevolmente, hanno cominciato a scrivere una storia lunga più di novant’anni. “Inizialmente – spiega infatti Tonna – avevamo pensato di celebrare i novant’anni del Soragna, nel 2011, quando è stato tagliato questo traguardo, ma poi è emerso del materiale inedito in più relativo agli anni Venti e, per realizzare un’opera ancora più completa, abbiamo deciso di posticipare l’uscita del libro”. 
Una scelta figlia della grande passione che Tonna ha da sempre nei confronti del passato del club del suo paese, una spinta che gli ha permesso di collezionare oggetti di grande valore storico e affettivo. “Anni fa rivela – rivela infatti il coautore del libro – siamo riusciti a recuperare un distintivo smaltato per occhiello della società risalente al 1922 (ndr e di cui noi pubblichiamo una foto qui sopra). Allora il Soragna era una società che oggi potremmo definire amatoriale, ma aveva la sua carta intestata e questo distintivo, che era stato fatto coniare dalla ditta Donzelli di Milano. Noi siamo in possesso dell’unico esemplare rimasto dal 1921 a oggi. Lo custodisco a casa mia, è il pezzo forte della mia collezione personale”. 
Un’altra curiosità riguarda poi la copertina, in cui campeggiano quattro stemmi differenti. “Sono l’espressione di alcune delle società che si sono alternate in paese nel portare avanti l’attività. In più di novant’anni ci sono stati anche diversi periodi di inattività ad intervallare alcune gestioni”. Queste ed altre curiosità sono contenute nel volume che racconta l’avvento del calcio in paese, la costituzione del Football Club Soragna 1921, i primi successi arrivati a cavallo tra la fine degli anni Venti e l’inizio degli anni Trenta nei campionati ULIC, l’Unione Libera Italiana del Calcio, un’organizzazione che allora era parallela alla FIGC. Prime espressioni di quello che, tra la fine degli anni Cinquanta e l’inizio degli anni Sessanta, è entrato di diritto nella storia come il “Grande Soragna”, capace di vincere per due anni consecutivi la Seconda Categoria di allora, l’attuale Promozione, e di rinunciare successivamente al salto nel campionato superiore, come accadeva spesso alle società del parmense. 
Piccole perle di storia, impreziosite da foto inedite e ritagli di giornale conservati per ricordare emozioni. Un filo sottile che collega anni di fatiche, successi e momenti difficili, come quelli degli anni Settanta, caratterizzati da risultati altalenanti e qualche periodo di inattività. Una storia travagliata ed entusiasmante fino ai giorni nostri e al recente ritorno, festeggiato proprio quest’anno, in Promozione. Il regalo più bello per celebrare un traguardo scolpito nel tempo tra le pagine di questo libro. 


noresult