SOCIETA'

Di Alessio Ritucci - 17.04.2013

Nuova Sangiorgese, antichi valori

"è nato tutto in maniera molto romantica, da un gruppo di cinque amici che volevano riportare il calcio vero a Porto San Giorgio". Queste le parole del Presidente della Nuova Sangiorgese, Gabriele Frontoni, sempre in prima fila la domenica a incitare i suoi ragazzi. Un Presidente-tifoso, che le partite ama guardarle "aggrappato alla rete di recinzione, dietro la porta". A lui abbiamo affidato il racconto del percorso di rinascita della Sangiorgese. Una Società che vanta oltre 75 anni di attività, con partecipazioni ai campionati professionistici. E che per problemi vari, due anni fa, ha tirato una linea.
Sembrava finita, invece la nuova dirigenza - pardon, la Nuova Sangiorgese - è ripartita di slancio e con nuove idee per ridare alla città una squadra cittadina da amare e sostenere. "Ci siamo messi insieme per via della passione che ci accomuna - spiega Frontoni -. Siamo voluti ripartire con un progetto che segua però i criteri aziendali, ovvero allenatori professionisti anche per il settore giovanile, serietà e poco dilettantismo. Oggi, infatti, anche se si gestisce una piccola realtà, bisogna farlo con la massima professionalità".
La Nuova Sangiorgese, oltre alla prima squadra che milita nel girone L di Terza Categoria, ha anche una formazione Allievi che sta dando delle bellissime soddisfazioni, in particolare a coloro che, "tutti a titolo assolutamente gratuito si danno da fare", tiene a precisare il Presidente. Persone come Dino Astelli, Francesco Ripa (ex portiere professionista e oggi responsabile del settore giovanile), il mister Marco Pennacchietti, ex colonna della vecchia Sangiorgese, il massaggiatore Pierluigi Pallottini, l'accompagnatore Giuliano Tassotti e Enrico Arrà. "Vogliamo ripartire dalla base, da quello che abbiamo seminato - prosegue Frontoni -. Il nostro modo di fare le cose viene chiamato il 'Sangio Style' e riguarda il rispetto dell'avversario, dei direttori di gara e il non avere paura di nessuno. Una mentalità in stile rugby".
Il patron nerazzurro non nasconde che siano state proposte alla Società fusioni o simili per ripartire dalla Prima Categoria o addirittura dalla Promozione. Tutte rispedite al mittente. "Non avendo esperienza nel settore abbiamo voluto ripartire con calma - spiega -, risalendo categoria dopo categoria. L'obiettivo, però, è quello di tornare in Prima Categoria nel giro di un paio d'anni".
Frontoni sottolinea poi come in città ci sia un "entusiasmo contagioso" che non si sarebbe mai aspettato per una squadra di Terza Categoria. Un segnale evidente che a Porto San Giorgio c'è voglia di calcio autentico. Non mancano però alcuni problemi. "Purtroppo qui ci sono poche strutture e quelle poche sono fatiscenti - prosegue -. Nel nostro campo abbiamo soltanto due docce. Stiamo lottando senza strutture. La Borgo Rosselli, che ha la convenzione con il Comune per la gestione dei campi, ci ha negato una sede senza motivo comprensibile. Noi comunque abbiamo sorvolato".
Oltre alla scalata delle categorie, sono tanti gli obiettivi della rinata Società. Da questa estate, infatti, partirà la campagna d'adesione per Primi Calci, Pulcini ed Esordienti. "E visto lo stato di crisi in cui versano le famiglie - precisa il Presidente - abbiamo trovato delle sponsorizzazioni di scopo per non far pagare le rette. L'unica quota sarà quella per le divise e le borse". Rigorosamente di colore nero e azzurro. Of course.

Che torneo!
Nel momento in cui scriviamo (la fine del mese di marzo), la Nuova Sangiorgese è la capolista del girone L di Terza Categoria a quattro giornate dal termine. Un campionato condotto più che egregiamente fino a questo punto con 18 vittorie su 22 gare disputate e una sola sconfitta. I nerazzurri vantano anche il miglior attacco con 68 realizzazioni e la difesa più imbattuta, appena 18 reti subite. Il calcolo è semplice: una differenza reti di 50, un dato che non si legge tutti i giorni. Tra gli altri straordinari risultati stagionali, la Nuova Sangiorgese davanti ai propri sostenitori ha vinto tutti gli incontri, pareggiandone solamente uno. Insomma, una stagione brillante sotto ogni punti di vista.
Ci sono tutte le carte in regola per provare il salto di qualità auspicato dalla Società, ma c'è da battere la concorrenza del Santa Caterina, che quando scriviamo insegue a 2 punti . L'obiettivo dei nerazzurri, però, è molto chiaro: "Raggiungere in due anni la Prima Categoria". Parola del Presidente Frontoni.


FOCUS SU > La storia: la

17.04.2013
La storia della Sangiorgese è molto antica e ricca di avvenimenti indimenticabili. Un percors...

CONDIVIDI