ECCELLENZA

Di Matteo Cileone - 05.03.2014

Magra Azzurri, la matricola che sogna in grande

Quella per il Magra Azzurri è una stagione da incorniciare. La matricola del campionato di Eccellenza sta rispettando i pronostici dell’estate che la vedevano tra le protagoniste del torneo, ma forse in pochi potevano immaginarsi di ottenere questi risultati, come afferma anche il ds della società spezzina Giuseppe Ponzanelli.
Direttore, state facendo un campionato super. Ve lo aspettavate?
Per il momento è davvero una stagione da incorniciare: in estate la società non aveva fissato obiettivi specifici e noi siamo partiti con la consapevolezza di avere una squadra forte che poteva divertirsi. Poi l’appetito vien mangiando e visto che siamo lì vogliamo restarci.
In estate gli addetti ai lavori vi davano tra le favorite. 
Riconfermando il gruppo dello scorso anno sapevamo di avere una squadra competitiva, alla quale abbiamo aggiunto elementi di assoluto valore e quindi ci aspettavamo di stare in alto, forse non così tanto. Il merito, comunque, è della solidità della società: persone come Nino Geminiati e Fanco Tofani meritano il meglio, non fanno mancare nulla e non mettono pressioni. Insomma, sono persone difficili da trovare nel mondo del calcio.
Quali sono i valori aggiunti di questa squadra?
I giocatori nuovi che sono arrivati e si sono subito inseriti al meglio. Mi vengono in mente Lamioni e Menichetti, elementi abituati a giocare in categorie superiori. Musetti si è integrato bene, Padoin ha portato la giusta esperienza nello spogliatoio, senza dimenticare Russo e Orsoni, giovani che però hanno già grande esperienza.
Che campionato state affrontando?
È un torneo livellato verso l’alto con diverse squadre che sarebbero pronte ad affrontare il campionato di Serie D come Argentina e Finale. Chi mi ha deluso? L’Imperia per tradizione e visto che ha una città alle spalle mi aspettavo potesse fare meglio. Chi invece sta facendo un ottimo campionato è la Genova Calcio: Maisano, come sempre, è stato in grado di creare un bellissimo gruppo e ora inizia a raccogliere i frutti del lavoro svolto.
Ma un pensierino alla Serie D lo state facendo?
La strada è ancora lunga e tutto dipende da noi. Affrontare un campionato Interregionale darebbe un po’ di lustro al comune di Santo Stefano Magra e alla società. Il campo, poi, a parte qualche piccola modifica sarebbe già omologato per le gare della Serie D e anche la squadra avrebbe bisogno solo di qualche innesto per quanto riguarda i giovani, mentre gli anziani resterebbero tutti per riconoscenza di quello che hanno fatto per questa società. Il mio futuro? Stiamo portando avanti un programma e non penso ci siano problemi a continuare insieme questo percorso.                     


FOCUS SU> La scheda: conosciamo mister Sabatini

05.03.2014
Uno dei punti di forza della squadra è mister Gabriele Sabatini: “Non avevo dubbi sulle...

CONDIVIDI