CALCIO A CINQUE

07.05.2015

La regina d'Abruzzo è il Civitella Sicurezza Pro

Finalmente serie B! “Il Civitella Sicurezza Pro comincia a scrivere una pagina di storia del Futsal nazionale!”. Queste sono le prime parole del patron Recchia, che poi aggiunge: “Questa vittoria è importante perché ci incorona come vincitori del campionato, ma soprattutto perché ci fa entrare nella storia. Un paese di 1.900 abitanti che parteciperà a un campionato nazionale. Non si è mai verificato prima d'ora in tutta la Penisola!".

UNA PICCOLA GRANDE  STORIA

L’Asd Civitella Sicurezza Pro nasce nel 2002 iscrivendosi per la prima volta al campionato provinciale di serie D  di Pescara di calcio a 5 e dopo alcuni anni di militanza, nella stagione 2006/07, accede ai playoff di girone per il salto di categoria, riuscendo a raggiungere l’obiettivo della promozione. L’esperienza fatta nel campionato cadetto fa sì che, sotto la guida di Luca Marchionne, uno dei pilastri fondatori della società, la piccola realtà raggiunge, nella stagione 2009/10, il traguardo della serie C1, vincendo inoltre la Coppa Italia regionale di serie C2 e la Supercoppa regionale.

Nel campionato successivo un ottimo terzo posto permette alla società del Civitella di partecipare ai playoff regionali; una sconfitta con il Roxan rimanda, però, l’accesso agli spareggi della fase nazionale per la serie B. Nella stagione 2012/13 arriva la Coppa Italia regionale e la possibilità di confrontarsi con squadre di livello nazionale; secondo posto in campionato, invece, che ancora una volta permette l’accesso ai playoff regionali e, dopo averli vinti, gli spareggi nazionali, che arricchiscono l’esperienza della società ma ancora una volta non si riesce a raggiungere l’obiettivo della serie B. Secondo posto anche nella stagione successiva, dove ai playoff, la società del Presidente Recchia viene fermata dall’Hatria, che ferma anche per la stagione 2013/14 le velleità del Civitella Sicurezza Pro, facendo sfumare il sogno della categoria cadetta. 

L’esperienza maturata nel lungo percorso del Civitella, ha permesso inoltre di creare una vera e propria scuola di calcio a 5 all’interno del club, che comprende le categorie Piccoli Amici, Pulcini, Esordienti e Giovanissimi.

CAVALCATA VINCENTE

La stagione della conferma è quella 2014/15, dove finalmente il Civitella Sicurezza Pro, sotto la guida di mister Ugo Morgione, centra la vittoria del campionato proprio all’ultima giornata, dopo una lotta forsennata a tre con Real Dem e Gymnasium Audax Hatria: il giusto premio dopo tante stagioni combattute sempre nelle posizioni di vertice del futsal regionale. Tornando alla vittoria sportiva, il Civitella Sicurezza Pro si è guadagnato la matematica certezza della serie B all’ultima giornata, vincendo sul campo del Bignè FC Avezzano, battuto per 8 reti a 3. “Non ho molto da dire - ha detto mister Morgione intervistato a caldo subito dopo dopo la partita - devo ancora realizzare che abbiamo raggiunto la promozione; sono contento per i ragazzi, per la società e per Civitella, una piccola realtà che ha fatto del futsal una filosofia di vita. Ora diamo spazio ai festeggiamenti e da domani pensiamo alla serie B”.

Anche capitan Dario Dell’Oso (portiere con trascorsi in serie A) ha tenuto a dire la sua: “Siamo tornati ad Avezzano e ci siamo ripresi quello che avevamo lasciato a gennaio perdendo la finale di coppa; il titolo di campioni d'Abruzzo è l'obiettivo che avevamo a inizio stagione. Ce l’abbiamo fatta!”. Numerosi tifosi hanno accompagnato la squadra, sostenitori che non hanno mancato nessun appuntamento, sempre presenti e calorosi in casa e in trasferta.

PROTAGONISTI

Gli artefici di questa vittoria sono stati: Dario Dell'Oso (capitano), Alessandro Bonsignore, Carlo Chiavaroli, Fabio Cirillo, Silvio Colombaro, Francesco Cornacchia, Andrea Dell'Oso, Francesco Di Girolamo, Andrea D'Onofrio, Camillo D'Onofrio, Luca Iannelli, Massimo Mammarella, Alessandro Perinetti, Giuseppe Pietrovito, Ricardo Tutilo, Alessandro Sablone, Stefano Savini.

Un plauso va alla dirigenza che ha creduto in questo sogno, conservato nel cassetto per diverse stagioni, e un ringraziamento particolare a chi, sin dall’inizio, ha incrociato la propria voglia di futsal con la società, facendola crescere sotto tutti i punti di vista. Una bella storia che, da oggi, riparte verso obiettivi sempre più ambiziosi.                                                      

NELLA BOTTE PICCOLA... c'è un paese incantevole

Incastonata nel bel mezzo del distretto delle Grandi Abbazie, sul versante orientale del massiccio del Gran Sasso, il piccolo comune di Civitella Casanova rappresenta uno dei centri dalle più profonde radici storiche e culturali dell’intera provincia di Pescara. Conta meno di 2.000 abitanti, ma può vantare un territorio di una bellezza incantevole, sia d’estate che d’inverno, crocevia di sentieri e luogo ideale per una vacanza a stretto contatto con la natura e l’arte. Protagonista di episodi storici di una certa rilevanza, nel Medioevo come nella fase risorgimentale, fino ad arrivare alla Seconda Guerra Mondiale, il paesino di Civitella Casanova è oggi impegnato nel proporsi ai visitatori come centro attivo e propositivo nel sistema dei parchi naturalistici abruzzesi: rapporto con la montagna e le risorse naturali, preservazione e promozione del patrimonio monumentale, riscoperta delle tradizioni e dei percorsi enogastronomici del territorio sono le direttrici verso le quali si muovono i cittadini e le amministrazioni negli ultimi anni. 

Il successo sportivo del Civitella Sicurezza Pro nel massimo campionato regionale di Calcio a 5 è certamente un evento da ricordare negli annali del paese, che per risorse e dimensioni non era mai riuscito a farsi notare nello sport a livelli così importanti in passato.

Real dem agli spareggi nazionali, tollo 2008 retrocesso
La cavalcata vincente del Civitella Sicurezza Pro è stata insidiata per tutto l’anno dalle altre due protagoniste di prima fascia del campionato: Real Dem e Gymnasium Audax Hatria, giunte rispettivamente a 2 e 7 punti di gap dalla vetta. Nei playoff ha poi prevalso il Real Dem, che affronterà la vincente delle Marche nella fase nazionale, a caccia di un posto in B per la prossima stagione. Alle spalle delle regine buona la stagione del Silvi, arrivato davanti a Fratelli Cambise e alle squadre teatine del Minerva e del Celtic; a seguire tutte le altre. In basso epilogo amaro per il Cus Teramo, retrocesso direttamente in C2, e per il Tollo 2008, sconfitto dall’Atletico Lanciano nello spareggio playout e destinato ad abbandonare la massima categoria del futsal regionale abruzzese.