LE SQUADRE

06.05.2014

La formula del TRASFORMISTA

Lavori in corso a Forlì e a Cesena. Mischia le carte, studia nuovi moduli, elabora schemi diversi, pur sapendo che, alla fine, in campo ci vanno loro, i ragazzi, e che imbrigliarli in idee troppo rigide non è mai un bene. Lui è Gabrio Evangelisti, da sei anni allenatore della Rappresentativa Giovanissimi che cercherà di portare il più in alto possibile. “Abbiamo fatto amichevoli affrontando formazioni professionistiche come Forlì e Cesena e non abbiamo demeritato. Al Torneo delle Province possiamo fare bene”. Qualche giocatore si è già messo in luce nella fase di preparazione. “Abbiamo elementi di qualità - spiega - come Simoncini, attaccante del Torresavio, Bonandi e Zequiraj, rispettivamente centravanti e trequartista del Bakìa Cesenatico, il centrocampista del Forlimpopoli Lolli, quello dell'Edelweiss Mari e il difensore della Pianta Paolini”. 

Fare in modo che tutti rendano al massimo è il compito principale di Evangelisti. “Come modulo di solito adotto il 4-4-2, perché è più semplice, ma sto allenando la squadra a cambiare anche in un 4-3-3 o in un 4-2-3-1 a seconda delle condizioni dei miei ragazzi e degli avversari. I primi anni mi fermavo molto sull'organizzazione, ma poi ho capito che quando hai ragazzi che vengono da tante squadre è meglio farli giocare e basta”. Ai Lidi Ferraresi ci sarà da riscattarsi. “L'anno scorso siamo usciti nel girone pur giocando alla pari col Ravenna, che poi ha vinto il torneo. Il nostro Comitato ha una tradizione. Pur non conoscendo il livello degli avversari, vogliamo fare bene”.       


noresult