CAMPIONATI

18.10.2013

La battaglia dei 300

Fra fusioni e ripescaggi in un’estate piena di “sorprese”, in Toscana si è ultimata la composizione dei sei gironi di Prima Categoria e dei dodici gironi di Seconda Categoria, poi è partita in data 1 settembre l’attività ufficiale con la disputa della Coppa Toscana per poi arrivare all’inizio del campionato il 15 settembre. Interesse e voglia di misurarsi fra le tante realtà della nostra regione, non mancano né la volontà di fare un percorso che tenga conto delle difficoltà oggettive esistenti, della valorizzazione dei giovani e della riduzione dei costi. Pronti, via e tutte le componenti si sono misurate (vedi l’incontro fra la classe arbitrale e i rappresentanti delle Società  e i calciatori tenuto a fine agosto e nei primi giorni di settembre a San Giuliano Terme, in provincia di Siena e a Campi Bisenzio) cercando, ciascuna con le proprie competenze, di dare un contributo a tutto il movimento. 
Eccoci quindi in Prima Categoria a capire come sono stati formati i sei gironi. Tradizionale il girone A, quello di Massa Carrara e di Lucca con l’aggiunta della formazione pistoiese del Ponte Buggianese, di matrice diversa il girone B che vede la partecipazione di formazioni pisane di estrazione composita: così si va dal Sextum Bientina, dalla Sanromanese, dal Ponte a Cappiano, dallo Staffoli fino alle formazioni pistoiesi (Aglianese e Montale), a quelle pratesi (C.F.2001, Comeana Bisenzio, San Giusto, Tavola Calcio, Viaccia Calcio) e fiorentine (Fucecchio, Ginestra Fiorentina, Lastrigiana, Limite e Capraia, Vinci). 
Tutta la provincia di Firenze è nel girone C rappresentata dalle squadre della città (Audace Galluzzo, Audace Legnaia, Nuova Pol.Novoli, Piagge, Settignanese), da quelle del Mugello e della Val di Sieve (Pelago, Rontese, San Godenzo e San Piero a Sieve). Venendo al girone D, ecco le squadre che rappresentano le province di Pisa e Livorno, con l’Isola d’Elba rappresentata dall’Audace Isola d’Elba. 
Tutto aretino il girone E con l’aggiunta delle senesi Torrita e Bettolle, mentre il girone F è composto da formazioni senesi e grossetane. Fra le neopromosse, con simpatia ecco il Virtus Chianciano 1945 e le Badesse, rinate dopo la fusione fra Monteriggioni e Olimpia Colligiana.    

Curiosità dalla 2ª
In Seconda Categoria troviamo il Poveromo e la Tirrenia Academy, oltre al Lucca Calcio nel girone A. Quasi interamente pistoiese il girone B, con gli Amici Miei, l’Antares e poi le quattro squadre della città di Pistoia, ovvero il Candeglia Porta al Borgo, il Capostrada Belvedere, il Pistoia Nord e il Pistoia Calcio. Lucca con pochissime variazioni sul tema nel girone C ovvero la Montagna Pistoiese mentre il girone D è quello pratese con una pistoiese (Casini) e quattro empolesi-fiorentine (Cortenuova, Malmantile, Ponzano e Santa Maria). Livorno e Pisa sono protagoniste del girone E mentre un po’ di Livorno, ma soprattutto la provincia di Grosseto, compongono il girone F. C’è molto Siena e Grosseto nel girone G  mentre il girone H è quello fiorentino e in questo raggruppamento non mancano né le matricole né le squadre ripescate (il Centro Storico Lebowski, il Chianti Nord, la Florence,  il Ponte a Greve, il San Giusto Le Bagnese, l’Atletico Calcio Impruneta e l’Alba Carraia). Di estrazione fiorentina- senese il girone I, Valdarno e Arezzo compongono il girone L, Mugello (bentornato S.Banti Barberino!) e Firenze nel girone M mentre Arezzo compone il girone N.


FOCUS SU> Seconda categoria: Uno dei campionati più importanti

18.10.2013
Si formano gli arbitri, si respira l’aria di un dilettantismo antico, si cerca in tutti i modi...

CONDIVIDI