SECONDA CATEGORIA

Di Luca Pastorino - 13.03.2014

Gir. E - Scopriamo la Calvarese con il diesse Fabio Dondero

La Calvarese ha condotto finora un campionato un po' altalenante, ma ha obiettivi chiari e la consapevolezza della problematiche, non tutte legate strettamente alla squadra. Il direttore sportivo Fabio Dondero è colonna portante della società, ancora tesserato anche come calciatore per potersi rendere utile davvero in qualsiasi ruolo possa essere utile alla causa biancorossa. 
La sua analisi è estremamente chiara: “L'obiettivo di partenza era provare ad arrivare in zona playoff per poi giocarci le nostre carte fino alla fine e credo che questo traguardo sia raggiungibile nonostante alcune difficoltà che abbiamo avuto. In primis le tante assenze dovute a un duplice motivo: da una parte gli infortuni, che fanno parte comunque del gioco del calcio, dall'altra il problema delle partite al sabato. Mi spiego meglio, noi abbiamo tendenzialmente sempre giocato alla domenica, sia in casa che in trasferta, e questo non ha mai dato problemi. Da quest'anno, per una scelta della Federazione derivata dalle lamentele di alcune società che a mio avviso non sono troppo fondate, le gare fuori casa vengono quasi sempre messe di sabato e spesso in orari per noi difficoltosi. Ovviamente è un problema perché tanti ragazzi lavorano e quando giochiamo al sabato ci mancano almeno 5 o 6 pedine importanti, e questo giocoforza va a influire sui nostri risultati, con una tabella di marcia buona in casa ma sicuramente al di sotto delle nostre potenzialità considerando solo le gare in trasferta”. 
“La nostra - prosegue Dondero - è una squadra con tantissimi giovani abbinati ad alcuni ragazzi più esperti che li guidano; se questi vengono a mancare è normale che tutta la squadra ne risenta”. 
Nonostante le problematiche la società è soddisfatta del lavoro svolto da mister Bacigalupo, come sottolinea ancora il direttore sportivo Dondero: “Il mister cerca di fare del proprio meglio con i ragazzi che, settimana dopo settimana, ha a disposizione per la partita; non è facile nemmeno per lui dover fare i conti con problemi di formazione, ma sicuramente riesce a tirare fuori il meglio da ogni ragazzo. Credo che la rosa sia comunque competitiva e, senza le problematiche di cui ho parlato, ce la saremmo sempre giocata alla pari con tutte perché il campionato è a mio avviso molto livellato”.           


FOCUS SU> Il commento: l'analisi del campionato

13.03.2014
Passando all'analisi del campionato il direttore sportivo Fabio Dondero analizza il girone E di Seco...

CONDIVIDI