GIOVANISSIMI

Di Donato Valvano - 02.03.2013

Giovanissimi, pronti alla sfida

Con l'edizione 2013 del Torneo delle Regioni alle porte, cresce l'attesa per la nuova avventura della Rappresentativa Giovanissimi della Basilicata che ha ben figurato nella passata edizione svoltasi proprio in terra lucana. Tra voglia di conferme e aspettative la spedizione dei ragazzi del commissario tecnico Lino Caivano sta per cominciare. Ed è proprio al tecnico lucano, alla seconda esperienza alla guida della selezione Giovanissimi, che abbiamo rivolto alcune domande alla vigilia della partenza per la Sardegna, sede della 52esima edizione della prestigiosa manifestazione giovanile dilettantistica.
Ormai manca davvero poco all'inizio del Torneo delle Regioni 2013. Qual è lo stato d'animo della sua Rappresentativa?
Arriviamo da un anno di lavoro intenso nel corso del quale abbiamo visionato tanti ragazzi e lavorato sodo e con metodo. Il morale è alto, i ragazzi sono entusiasti di fare questa esperienza agonistica e umana, di confrontarsi con coetanei di altre regioni sui campi di gioco della Sardegna. Le motivazioni non ci mancano. Adesso tocca a noi dimostrare il nostro valore e cercare di valorizzare il lavoro svolto finora.
La preparazione al TdR 2013 in cosa è consistita? 
E' stato un lavoro lungo iniziato nei mesi scorsi con una accurata attività di scouting. Nella fase iniziale abbiamo scelto una quarantina di ragazzi  per poi avviare una scrematura graduale che ha ridotto la rosa a venti unità, ovvero l'attuale organico della nostra Rappresentativa. Dal punto di vista tecnico, invece, abbiamo svolto diversi raduni, dato vita a stage e amichevoli con squadre blasonate come il Melfi, il Martina, la Salernitana e l'Andria, tanto per citarne alcune. Durante i raduni abbiamo svolto esercitazioni sia tecniche che tattiche e curato i movimenti sia nella fase di possesso palla che di non possesso. Sono molto soddisfatto del lavoro svolto finora e di come i ragazzi lo hanno affrontato.
Importante è stata anche l'unità d'intenti tra le varie componenti dello staff tecnico...
Direi che è stato fondamentale. Lavorare insieme seguendo un unico piano di lavoro e un unico obiettivo credo che abbia fatto bene a tutti quanti noi e soprattutto alla nostra Rappresentativa. A tal proposito l'introduzione di una figura come quella del responsabile dell'area tecnica di tutte le Rappresentative di calcio a undici, ben interpretata da Antonio Finamore, credo sia stata importantissima nell'economia generale del lavoro svolto finora. 
Quali sono state le differenze nella preparazione rispetto alla passata edizione?
Lo scorso anno ho avuto a disposizione solo due mesi per assemblare la squadra. Ciò nonostante siamo riusciti a disputare un buon torneo, tenendo conto anche del valore tecnico dei nostri sfidanti.  Quest'anno c'è stata senza dubbio più programmazione. Abbiamo avuto la possibilità di lavorare con relativa tranquillità avendo a disposizione anche uno staff tecnico e sanitario di prim'ordine. Vediamo se questo approccio sarà premiato, come mi auguro, dai risultati.
A proposito di staff tecnico, come è il rapporto con i suoi collaboratori?
Molto buono. Se si vuole fare l'interesse della squadra devi mettere da parte ogni personalismo e devi ragionare in maniera collettiva. Ho un rapporto molto stretto con Rocco Pappalardo con il quale mi confronto spesso, come del resto con tutti gli altri collaboratori come Mario De Rosa, che cura la preparazione dei portieri, e Rocco Lionetti, che si occupa della preparazione atletica. C'è suddivisione e condivisione del lavoro che svolgiamo e questo è un bene per la crescita del gruppo e di ognuno di noi. 
Quali sono le aspettative della Rappresentativa lucana Giovanissimi in vista del TdR 2013?
Il nostro girone non è dei più agevoli, ma credo che  almeno in questa categoria non ci sia un grosso divario tecnico tra noi e le altre selezioni. Con questo voglio solamente dire che ce la giocheremo con tutti e proveremo a fare una bella figura. Non sarà facile riuscirci, ma noi ce la metteremo tutta. Quello che mi sento di promettere alla vigilia di questa importante competizione è che  scenderemo in campo dando sempre il massimo e onorando fino in fondo la maglia che indossiamo.


FOCUS SU > Una squadra affiatata

02.03.2013
DIRIGENTE ACCOMPAGNATOREGianfranco ForenseRESPONSABILE RAPPRESENTATIVE CALCIO A undiciAntonio Finamo...

CONDIVIDI