COMITATO REGIONALE

16.04.2015

Due colonne della regione

Nelle vite dei consiglieri regionali si celano tante storie ricche di altruismo, ma soprattutto racconti caratterizzati da un’enorme passione per lo sport, in particolare per il calcio, in tutti i ruoli da loro ricoperti. Una di queste è sicuramente quella di Bruno Perniconi nato il 10 febbraio 1952, attuale Vice presidente del Comitato Regionale Toscana. Un ruolo prestigioso, raggiunto dopo un lungo percorso al servizio del mondo del calcio, come spiega lo stesso Perniconi. “Prima di entrare a far parte del Comitato - ricorda Perniconi - ho maturato esperienze da calciatore dilettante e poi da dirigente di società. Nel 1990/91 mi proposero di entrare come collaboratore nel Comitato provinciale di Livorno e accettai con interesse e orgoglio assumendo poi, nel 1993/92, la carica di Presidente. La mia presidenza fu caratterizzata da un momento particolarmente significativo e di trasformazione per la provincia di Livorno in seguito della chiusura dei Comitati locali”. 

“Da quel momento in poi - spiega Perniconi - l’Isola d’Elba divenne parte integrante e importante per il Comitato provinciale. Per favorire al meglio l’integrazione nella provincia e dare la giusta visibilità alle società elbane, decisi, insieme ad alcuni collaboratori, di creare un momento significativo e di unione con tutte le altre società  sull’Isola d’Elba: nacque così la Festa del Pulcino che ancora oggi, grazie alla sensibilità e all’impegno del Comitato, è divenuta un momento importante per tutto il movimento giovanile toscano interessando, tra ragazzini, genitori e dirigenti, circa 2.000 persone, che danno vita a una festosa due giorni sull’isola, soprattutto grazie alla stupenda accoglienza che le società elbane riservano ai partecipanti”. 

Dopo gli ottimi risultati raggiunti nella Delegazione livornese, Bruno Perniconi intraprenderà la strada regionale: “La mia esperienza di consigliere regionale è cominciata nel 2001, e ho avuto la fortuna di iniziarla sotto la presidenza di un uomo come Fabio Bresci, che è stato ed è sicuramente una figura importante, se non fondamentale, per tutto il nostro movimento sportivo. Non lo ringrazierò mai abbastanza per avermi permesso di crescere e maturare al suo fianco condividendo tutti quelli che sono stati i cambiamenti e le scelte che questo Comitato ha messo in atto nel rispetto dello spirito di servizio verso le società”. 

Il Vice presidente si sofferma poi sul ruolo e sulle mansioni che sta svolgendo in seno al Comitato Regionale: “Mi occupo dei vari regolamenti dell’attività regionale e mi interesso di approntare corsi per dirigenti. Faccio parte del Comitato di gestione del centro tecnico di Tirrenia che si occupa di formazione a tutto tondo rivolta alle nostre società”. 

FABIO FIORENTINI

Il consigliere Fabio Fiorentini, invece, ha iniziato la sua avventura nel calcio occupandosi per oltre 20 anni di settore giovanile nella zona cascinese (Pol. Pulcini Cascina e Cascina Calcio), prima di approdare nel Comitato provinciale di Pisa. Adesso è al suo secondo mandato e si occupa prevalentemente delle tematiche e delle regolamentazioni proprie dell’attività del settore giovanile e dunque dell’attività giovanile regionale della Toscana. “In precedenza - afferma Fiorentini - sono stato Presidente del Comitato provinciale di Pisa per nove anni, dove  sono riuscito a collaborare con tutte le società con serenità e soprattutto con tanta amicizia, imparando veramente cosa volesse dire passione per il nostro mondo. Credo fermamente che nel settore giovanile ci sia l’essenza più pura del calcio e vorrei che ci fossero meno polemiche dentro e fuori dal campo di gioco, ma mi piacerebbe che si giocasse con più serenità allo sport più bello del mondo, senza dimenticare la sua funzione educatrice. Ora che tutta l’attività giovanile viene gestita dalla Lega Nazionale Dilettanti, il nostro Consiglio regionale, di cui faccio orgogliosamente parte, ha modo di discutere ed esaminare le varie problematiche che incontrano le nostre società per organizzare nel migliore dei modi la vera attività del settore”.                  

                   


noresult