DELEGAZIONI PROVINCIALI

11.04.2012

Del. Asti - Libertas Antignano: un'isola felice

Antignano è un piccolo paese nell'Astigiano che conta appena 900 abitanti. Ma, nonostante questo, è una delle nuove realtà del calcio a 5: un'isola felice che, nel giro di pochi anni, è cresciuta a tal punto da dare fastidio ai colossi del Futsal piemontese. “Le società pagano il fatto di non avere impianti di proprietà – allarga le braccia il direttore generale Marco Cortese – e i costi iniziano a diventare difficili da sostenere. Per non parlare poi delle trasferte: la maggior parte delle squadre si trova nella provincia di Torino e spostarsi non è sempre così semplice. Per questo si fa fatica a vedere nuove realtà, soprattutto nei campionati minori e in quelli giovanili “. Per questo l'Antignano ha deciso di puntare sui giovani, allestendo il Settore giovanile: da due anni la Juniores si qualifica ai play-off, mentre l'Under21 – al suo primo anno – è arrivata terza nel proprio girone dietro le corazzate Asti e Aosta. Senza dimenticare la prima squadra: terza in Serie C1, pronta a dare battaglia negli spareggi promozione. Sono passati trent'anni dalla nascita della società, ma il salto di qualità vero e proprio è arrivato negli ultimi cinque. Guarda caso, coincisi proprio con la crescita della favola astigiana. “La grande crescita dei nostri cugini ci ha agevolato, non lo nascondiamo – ammette Cortese – perché ogni settimana ci sono più di mille persone a seguire la squadra di mister Sergio Tabbia al Palasanquirico. Viviamo di riflesso: alcuni tifosi vengono a seguire le nostre partite e tanti giovani, ammirando le gesta di campioni come Lima, Ramon o Patias, si sono avvicinati al calcio a 5. Non potendo trovare magari spazio in Serie A1, vengono da noi, e siamo ben felici di accoglierli “.


noresult