ECCELLENZA

Di a cura dell'Ufficio Comunicazione - 07.01.2014

Coppa, scusate il ritardo

Tre squadre del girone A e una del girone B. Ecco il verdetto emesso dai quarti di finale della Coppa Italia di Eccellenza e che laurea le quattro squadre semifinaliste dell'edizione 2013-2014 della più importante manifestazione collaterale al campionato. Viterbese Castrense, Sporting Real Pomezia, Ladispoli e Empolitana Giovenzano: ecco le quattro squadre che l'8 e il 22 gennaio si contenderanno l'accesso alla finale, quest'anno programmata, eccezionalmente, il 5 di febbraio. 
La Viterbese Castrense è entrata nel penultimo atto della manifestazione dopo avere battuto, sia in casa che in trasferta, il Lariano Rdp Nemi: il 4-2 con cui è andato a vincere sul campo del Lariano RdP Nemi fa il paio con il 3-1 della gara d’andata. Ha superato i quarti di finale anche il Ladispoli, che ha messo a frutto il successo esterno sul campo del Colleferro, pur avendo concesso la vittoria ai rivali (2-1) nella gara di ritorno giocata sul proprio campo.
E' stata invece una rivincita della finale del 2012, la qualificazione dell’Empolitana Giovenzano, che dopo avere vinto 3-0 al Centro d’Italia la gara d’andata, ha rischiato di farsi eliminare dal Rieti (che l’aveva battuta nella finale di coppa giocata al Salaria Sport Village nel 2012), capace di restituire le tre reti agli empolitani, che però sono stati poi abili a farsi valere ai calci di rigore conquistando, così, il diritto a giocare le gare di semifinale.
A completare il quartetto, l’unica squadra del girone B, anche se con “origini” da raggruppamento nord, nel quale ha militato fino alla scorsa stagione. Allo Sporting Real Pomezia è bastato pareggiare (1-1) sul campo del Fregene, in vantaggio fino a poco dal termine, per sognare di arrivare fino in fondo nella Coppa Italia di Eccellenza. I pometini hanno messo a frutto il 2-1 casalingo, che dopo l'andata aveva lasciato aperte le porte della qualificazione al Fregene. 
La manifestazione si è presa una pausa fino al nuovo anno, perché, a differenza delle scorse edizioni, la finale non si giocherà il 6 gennaio, data solitamente dedicata alla disputa della finale, ma a febbraio. 
Da sottolineare come soltanto la Viterbese Castrense non sia mai arrivata alla finale della Coppa Italia di Eccellenza. Lo Sporting Pomezia (sia pure con un'altra denominazione) la finale l'ha giocata e vinta (ad Anagni contro il Fidene nel 2009), così come una finale (anche qui con una denominazione diversa) l'ha disputata l'Empolitana Giovenzano, che come Pisoniano, due anni fa fu sconfitto dal Rieti. Il Ladispoli, invece, di finali ne ha giocate addirittura due: una vinta (nel 2002-203) e una persa (l'anno prima). Il Ladispoli è stata l'unica squadra laziale che, vincendo la fase nazionale della coppa, è salita di categoria. Impresa riuscita anche al Città di Marino, che però arrivò solo in finale.       

                                       


noresult