IMPIANTI

18.10.2013

Conto alla rovescia

A fine maggio il protocollo d'intesa sottoscritto in Palazzo Vecchio dal sindaco di Firenze Matteo Renzi, dal Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Carlo Tavecchio e da quello regionale Fabio Bresci per la gestione del complesso sportivo "Bruno Buozzi" di via Ximenes.  A ottobre, probabilmente, la partita di qualificazione tra Umbria e Lazio per la Regions’ Cup con l’inaugurazione dell’impianto delle Due Strade che diventerà il Centro di formazione federale Figc-Lnd. Ovvero la Coverciano del calcio dilettanti,   il terminale dell’attività agonistica con finali a livello nazionale della Lnd, calcio femminile e calcio a 5 compresi. 
“Ma potrebbe essere anche lo stadio dell’Under 21: la capienza c’è, l’impianto è a norma”, ha detto con entusiasmo Carlo Tavecchio durante il sopralluogo effettuato il 23 agosto.  Così, per tutta la durata della visita, effettuata con puntiglio e arricchita da proposte e suggerimenti, il Presidente Tavecchio ha più volte espresso la sua soddisfazione complimentandosi con Fabio Bresci. A cominciare dai lavori del campo principale, davvero all’avanguardia, a impatto ambientale zero e con erba “a sezione a ritorno di memoria”, ovvero erba indomita che si rialza dopo essere stata calpestata. Per continuare con le opere al campo adiacente, quello del calcio a 5, che sarà dotato di illuminazione artificiale. “Ma utilizzando i led - ha raccomandato Tavecchio -. Insieme a sicurezza, messa a norma degli impianti e ai progetti in ambito nutrizionale applicati all’attività sportiva,  l’ottimizzazione delle risorse energetiche a partire da led e biomasse è uno dei nostri cavalli di battaglia”.  

La coverciano del calcio dilettanti
Grande attenzione e grande cura, quindi, per quella che è stata definita la Coverciano del calcio dilettanti e che per Tavecchio “ha portato e porterà a Firenze gente che produce, imprese, aziende specializzate, opportunità”. Un traguardo, questo,  a cui Bresci ha lavorato per molto tempo in silenzio e anche con qualche cortina fumogena sapientemente alzata: “è stato necessario un lavoro preparatorio  per creare e accertarsi che ci fossero le condizioni perché potesse avvenire questo matrimonio tra la città e la Lnd. Ma ora sono veramente soddisfatto che tutto stia andando per il verso giusto e ancor più soddisfatto di essere riuscito nell’impresa di portare a Firenze la sede sportiva della Lnd. Firenze - dice con una nota di orgoglio Bresci - sarà la capitale a tutto tondo del calcio perché abbiamo unito  a quello dei professionisti di Coverciano quello dilettante e giovanile”. 
Il Buozzi allora sarà un laboratorio di idee, di innovazioni, di confronto. Ne  è certo Tavecchio che ha ispezionato anche le salette, gli spogliatoi e la palestra con i lavori in corso sotto le gradinate. “Qui si faranno convegni, ospiteremo dibattiti e iniziative culturali”. E si intraprenderanno strade nuove come quelle che il Porta Romana, Società che ha ottenuto la concessione dell’impianto, ha in programma di percorrere appena potrà calcare quell’indomita erba di cui sopra. Nei piani delle Società di Eccellenza c’è uno studio sperimentale che addirittura potrebbe essere una svolta nel gioco del calcio perché permetterà ad alcuni calciatori, durante una partita regolare e non solo durante gli allenamenti, di indossare un Gps. Con questo strumento saranno calcolati spostamenti, spazi e tempi percorsi, come era stato spiegato a un recente convegno dell’Aipac. 

Renzi, un sindaco da elogiare
A completare il quadro dei commenti positivi, in assenza di Renzi in vacanza, ecco quello dell’assessore Petretto: “è un’occasione importante per la città, per l’indotto che questo impianto genererà. In una situazione delicata da un punto di vista economico, è stata la giusta opportunità per rinnovare una struttura comunale senza esborsi diretti da parte dell’amministrazione”. 
Su Renzi non si lascia sfuggire comunque una battuta Tavecchio: “Averne di sindaci come lui. Non abbiamo perso tempo con iter burocratici o con progetti di stadi nuovi. Abbiamo trovato l’accordo in fretta, come in fretta e bene stiamo lavorando. Spero che le opere  siano concluse in tempo per la sfida tra Umbria e Lazio in ottica Regions’ Cup ma non escludo - scherza il Presidente della Lnd - che Renzi lo voglia inaugurare con una partita dove può giocare lui”.


Il nuovo “Bruno Buozzi“

18.10.2013
La struttura può vantare un campo omologato con misure consentite fino alla disputa di gare d...

CONDIVIDI

FOCUS SU> L'impianto: Investimento da 700mila euro per un centro sportivo da far invidia

18.10.2013
Il complesso sportivo “Bruno Buozzi” di via Ximenes è stato designato quale sede ...

CONDIVIDI