CALCIO A CINQUE

Di Diego Podda - 25.11.2012

Come allenare il giocatore moderno

Il futsal attualmente è uno sport nel quale per arrivare all’alta competizione si esigono grandi qualità fisiche e capacità tecniche, ma soprattutto talento e capacità cognitive per giocare in uno spazio così ridotto.   
Nel futsal moderno un aspetto fondamentale sul quale è necessario lavorare è la capacità del giocatore di prendere la decisione giusta. E’ opinione comune che il giocatore modello debba essere veloce, pensiero assolutamente condivisibile, ma la velocità della quale ogni giocatore ha bisogno assoluto non è solo quella fisica, ma quella mentale.  Sia in fase di possesso che di non possesso il giocatore dovrà essere abile a vedere le situazioni di gioco che si sviluppano, a capirle, a interpretarle scegliendo cosa fare e eseguire ciò che ha deciso di fare. Queste capacità sono allenabili e migliorabili e spesso fanno la differenza tra un buon giocatore ed un ottimo giocatore.
Credo che sia importante lavorare sulla rapidità mentale, creando un giocatore intelligente che abbia creatività, immaginazione, capacità di lettura del gioco e capacità di fare la scelta giusta allenando la tecnica e la tattica sarà questo il compito di ogni allenatore moderno di calcio a 5.  
La ricerca e lo studio del gioco ci aiuta a conoscere meglio il futsal: questo ci dà informazioni per progettare allenamenti adeguati e ottenere efficienza nella competizione. è necessario creare situazioni in cui il giocatore deve pensare, perché il futsal è un gioco intelligente. L’obiettivo è realizzare movimenti, sforzi e azioni in sequenze variabili e intermittenti per portare la palla verso un obiettivo e/o evitarlo. Questo è possibile attraverso l’interazione motoria tra i giocatori, con la presenza di compagni e avversari in uno spazio determinato in simultanea cooperazione e opposizione. 
Una volta chiarito che tipo di gioco pratichiamo e quali sono le sue dinamiche siamo in grado di pensare ad esercitazioni che ripropongano le situazioni che si presenteranno in competizione, in modo tale da fornire ai giocatori tutti gli elementi tecnici, tattici, fisici e mentali che permetteranno loro di risolvere i problemi specifici del futsal.  Nell’allenamento preferisco trovare situazioni il più possibile simili al gioco reale creando fin dalle prime fasi di riscaldamento situazioni che obblighino il giocatore a fare delle scelte e prendere delle decisioni, partendo dal tipo di controllo, al tipo di guida, al tipo di passaggio, al movimento di smarcamento, al dribbling o alla presa di posizione, al marcamento, all’intercettamento, al contrasto indiretto, alla difesa della porta in fase difensiva. 
Anche nella scelta del sistema di gioco preferisco chiedere ai giocatori di dover costantemente prendere decisioni, di adeguarsi alle situazioni in campo, modificando costantemente atteggiamento, vedendo cosa succede e prendendo la decisione migliore. Nella fase difensiva ho fino ad ora privilegiato la difesa a zona, un tipo di difesa che obbliga ogni giocatore a continue letture e interpretazioni, ad agire sempre coordinandosi con i compagni, a scegliere ed eseguire sapendo vedere e capire… 

CHIEDO AI MIEI GIOCATORI DI PRENDERE DECISIONI
Qualche volta ho chiesto di difendere individuale, e in entrambi i casi ho avuto l’ennesima conferma che non c’è niente di standard, di definito, di prevedibile. Ci sono situazioni nelle quali è preferibile seguire l’avversario, altri in cui sarebbe più utile cambiare marcatura e/o dominare uno spazio piuttosto che seguire il movimento dell’avversario. Anche nella fase di possesso cerco di allenare i giocatori a saper scegliere, a saper interpretare le situazioni che si verificano, mai uguali, provando a cogliere sempre le migliori opportunità. Ritengo che questo metodo possa essere utile a grandi livelli per contrastare i continui adattamenti degli avversari alle nostre mosse, ma soprattutto nell’insegnamento della disciplina ai giovani, cercando di svilupparne le capacità liberamente, senza doverli inquadrare nella rigidità tattica che, spesso, prevale in un tecnico alla ricerca del risultato immediato. 


noresult