DELEGAZIONI

Di Foto e testi di Antonello Lai - 24.11.2012

Cagliari, non solo giovani e scuola

Lo staff della Delegazione provinciale di Cagliari è attualmente, composto da 8 persone e si occupa, per tutta la provincia di Cagliari, dell'organizzazione e della gestione dei campionati e dei tornei delocalizzati. In questa attività va inclusa la relativa amministrazione della giustizia sportiva inerente, nonchè la commercializzazione degli stampati federali per il tesseramento dei calciatori, degli allenatori, dei dirigenti. 
In particolare, tra le competenze di questa specifica  Delegazione, la più significativa, caratterizzante sotto il profilo qualitativo, è sicuramente quella rappresentata dalle attività del Settore Giovanile e Scolastico: "E' anche la competenza più impegnativa sotto il profilo organizzativo - afferma Luca Caschili 40 anni, laureato in Scienze Politiche, consulente commerciale, dal 2007 il Delegato Provinciale di Cagliari della L.N.D.  - si tratta di coordinare l'attività dei giovani calciatori dai 16 ai 5 anni".

104 SCUOLE CALCIO
Una precisa mansione, quella in Figc  che dal 1999, (da quando Caschili collabora con la Delegazione Regionale Calcio a 5), è in continuo aumento, tanto che ha registrato circa 8.000 tesseramenti nella stagione sportiva 2011/2012 (inclusi quelli dei campionati regionali). Organizzare, promuovere e controllare le attività delle scuole calcio, 104 diffuse su tutto il territorio provinciale, non è cosa di poco conto. Ma è anche la competenza che più esalta l'attività calcistica sotto l'aspetto promozionale, sociale ed educativo.
"Dopo alcuni anni di promozione - continua il delegato - la specialità del Calcio a 5, siamo riusciti ad avere sul territorio anche le Scuole Calcio della disciplina, per le quali nella corrente stagione sportiva si organizzeranno dei tornei ad hoc per le categorie Esordienti e Pulcini".

SI PUNTA AL FEMMINILE
Si darà l'opportunità ai bambini dagli 8 ai 12 anni di provare il futsal nella sua essenza. Per indirizzare la loro pratica sportiva ludico-motoria in una certa direzione, quella dello spazio di gioco stretto.
Il prossimo obiettivo della Delegazione sarà promozionale a favore di quel movimento, quello del Calcio Femminile. 
Si tenterà di contribuire all'ulteriore sviluppo di quel calcio in rosa partendo proprio dalle Scuole Calcio. "Occorrerà trovare - conclude Caschili - le modalità migliori per far capire che il calcio non è necessariamente nemico della femminilità, anzi. Può e deve rappresentare un'opzione sportiva serenamente praticabile anche dalle bambine".

LA TERZA E' LA SUA BASE
Certo occorrerebbe puntare su dei modelli e sui dei testimonial che stacchino l'immaginario collettivo dal solito clichè delle praticanti del calcio.  
Altro filone fondamentale delle competenze della Delegazione è dato dalla totale gestione del campionato di Terza Categoria. La base della piramide del calcio regionale. Nonostante la tragedia della crisi economica che investe la Nazione, che non può che riverberarsi anche nella vita del calcio dilettantisitico, la provincia di Cagliari ha, per esempio, 41 squadre iscritte (grazie anche agli innesti provenienti dal Sulcis-Iglesiente). Ora può serenamente proseguire nella strada intrapresa da qualche stagione, ovvero la cancellazione della nomea di campionato “dopolavoristico” e/o per atleti a fine carriera, con squadre dall'età media sempre più bassa e, comunque, mai particolarmente elevata.


noresult