DELEGAZIONI PROVINCIALI

12.12.2015

Bergamo: Casazza, parola d'ordine salvezza. A meno che...

In una realtà piccola come Casazza fa sempre piacere rilevare come vi operino realtà floride quali la locale polisportiva. Che, per quanto riguarda il calcio, ha vissuto una sorta di anno zero nel 2000, quando un rinnovamento in ambito dirigenziale ha portato alla guida l’attuale Presidente Claudio Cambianica affiancato fino allo scorso anno da un’altra figura come quella del direttore sportivo Sergio Censi. Dal 2000 in poi la squadra, che nelle stagioni precedenti era scesa fino all’ultimo gradino della Terza Categoria, si è riorganizzata e negli ultimi quattro anni è riuscita a mettere in bacheca tre campionati, con le relative promozioni, e una Coppa Lombardia. E non è finita perché, una volta raggiunta la Promozione, ritenuta categoria consona a una società numerosa e riferimento di una zona come la Valcavallina, gli uomini di mister Luciano Sanga continuano a stupire e stanno conducendo, nel girone C, un nuovo torneo di vertice.

“Da matricola il primo intento che ci poniamo è quello di non retrocedere - premette il Presidente Cambianica - anche perché ritengo che la Promozione sia una categoria che ci valorizza appieno. Certo, questo avvio di stagione ci mette là davanti tra le favorite per la vittoria finale, in quel caso ci organizzeremo e vedremo, ma se capitasse la possibilità di passare in Eccellenza diciamo che non ci tireremmo indietro”.

Senza smarrire quell’intento comune a tante altre società del territorio. “Vogliamo lavorare bene sul vivaio, che è molto nutrito e sta crescendo nei numeri. Basti pensare che quest’anno abbiamo avuto ben 55 iscrizioni in più. Per ora siamo riusciti ad aggregare alla prima squadra quattro elementi della Juniores, ma possiamo e vogliamo fare molto di più”.

Al di là della prudenza del Presidente, il Casazza può ambire alla massima categoria regionale, anche per le strutture di prim’ordine di cui dispone. “A detta di molte delle squadre ospitate - conclude Cambianica - abbiamo uno dei centri sportivi migliori della Lombardia ed è sicuramente un orgoglio per noi”.                               


noresult