IL FATTO

Di Damiano Montanari - 14.05.2015

A Casola è tempo di ricominciare

Erano le 9 del mattino del 25 febbraio 2015. Prima un movimento della terra, poi una frana, sempre più grossa, ha trascinato con sè il campo sportivo di Casola Valsenio, fiore all'occhiello della società locale. “Un avvenimento inaspettato - racconta il Presidente Simone Visani - e fortunatamente nessuno si è fatto male, ma noi siamo rimasti senza campo”. Una ferita profonda per il paesino della provincia ravennate, ma situato sull'appennino tra Faenza e Imola. Un problema davanti al quale, anziché fermarsi, il club di Simone Visani ha deciso di reagire. “Ci siamo subito rimboccati le maniche, chiedendo aiuto ai paesi confinanti, da Riolo Terme a Castelbolognese, da Solarolo a Fontanelice, da Borgo Tossignano a Palazzuolo sul Senio, che è in provincia di Firenze ma calcisticamente fa riferimento alla Delegazione di Ravenna”. 

Con la valigia in mano il Casola Valsenio ha cominciato a girare, rinunciando forzatamente al fattore campo per tutto il proseguimento del campionato di Seconda Categoria, archiviato con un buon quarto posto, anche considerando tutte le difficoltà che ha dovuto affrontare. Con questa energia e forza di volontà è cominciata la ricostruzione, che, il 10 maggio, ha portato all'inaugurazione, alla presenza delle principali autorità politiche e sportive, tra cui il Presidente del Comitato Regionale dell'Emilia Romagna, Paolo Braiati, di un nuovo campo di calcio a 6, omologato fino ai Pulcini del secondo anno

“è stato realizzato grazie all'aiuto di alcune aziende del territorio - spiega Visani - ed è un primo segnale di ripresa. A Casola, nel week end del 10 maggio, si è tenuta la festa dello sport, che ha coinvolto tanti ragazzi e ragazze impegnati anche in discipline diverse, dalla danza alla pallacanestro fino alla pallavolo. Il calcio ha fatto la sua parte con tre triangolari riservati a una decina di squadre delle categorie Scuola Calcio, Pulcini ed Esordienti. è stato un successo”. 

In questa situazione la Federazione ha sempre fatto sentire il suo sostegno. “L'aiuto della Figc - dichiara infatti Visani - è stato ed è costante. Quotidianamente mi sento con il Delegato di Ravenna, Claudio Bissi, che ci ha aiutato a trovare un campo per la Juniores”. Mentre, a livello regionale, il Presidente Braiati si è impegnato in prima persona. “Come Figc - afferma il numero uno regionale - io e il Delegato Bissi, abbiamo visitato il campo, che era bellissimo, tanto che a novembre era stato dotato di un nuovo impianto di illuminazione, e che ora è una vera e propria ferita per il paese. Abbiamo incontrato il sindaco che ci ha assicurato che l'amministrazione farà la sua parte per risolvere il problema il prima possibile, ma anche noi, come CRER, abbiamo chiesto alle società dell'Emilia Romagna di autotassarsi. Quasi tutte (solo 4 o 5 rifiuti su un totale di circa 750 club, ndr) hanno aderito all'iniziativa, raccogliendo circa 15.000 euro che saranno devoluti al Casola Valsenio”.                                           


noresult